Il Master

È indetto, per l’anno accademico 2017/2018, il concorso pubblico, per titoli, a numero 25 posti per l’ammissione al corso di Master di II livello in Manutenzione e Riqualificazione sostenibile dell’ambiente costruito” afferente al Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Per l’attivazione del Master il numero minimo di studenti previsti è pari a 5.

Contributo di iscrizione

Il contributo di iscrizione al Corso di Master, comprensivo dell’onere assicurativo dei soggetti frequentanti, ammonta ad € 1.500,00, pagabile in due rate (la prima di € 750,00 all’atto dell’iscrizione, la seconda di € 750,00 entro il 31 luglio 2018), oltre ad € 140,00 per la tassa regionale per il diritto allo studio universitario. La ricevuta attestante il pagamento della II rata del contributo di iscrizione dovrà essere consegnata presso l’Ufficio Scuole di Specializzazione e Master  entro i successivi sette giorni dal pagamento della stessa.

Obiettivi, finalità e sede del Master

Il Master ha lo scopo di fornire conoscenze specialistiche per la mitigazione delle condizioni di vulnerabilità dell'ambiente costruito, soddisfacendo le istanze della sicurezza, del comfort e della riduzione del fabbisogno energetico attraverso interventi sostenibili. In particolare, il Master prevede di formare Professionisti specializzati nel campo della manutenzione e della riqualificazione dell'ambiente costruito, con capacità di controllo e applicazione progettuale di normative tecniche, conoscenza dei procedimenti amministrativi, diagnosi, interventi di retrofit tecnologico e monitoraggio. Le  competenze acquisite sono finalizzate allo sviluppo di capacità di progetto e gestione integrata dei molteplici aspetti volti a ripristinare, migliorare o adeguare le prestazioni e le caratteristiche di edifici esistenti - sia di tipo specialistico che residenziale -, attraverso modalità e valori coerenti con le  preesistenze e puntando sull'innovazione tecnologica come fattore per raggiungere gli elevati livelli prestazionali oggi richiesti. Il percorso formativo risponde all'esigenza dei professionisti con competenze innovative nella diagnostica e monitoraggio, nella valutazione di fattibilità, nonché nella pianificazione, programmazione e progettazione degli interventi. Seminari, sopralluoghi, conferenze e rapporti con gli stakeholders forniranno il supporto necessario alla pianificazione manutentiva e alla progettazione della riqualificazione sostenibile anche attraverso approfondimenti sulle problematiche di interoperabilità dei modelli informativi con l'utilizzo di tecnologie BIM e GIS. Ambiti occupazionali di tipo pubblico e privato nei quali il Professionista potrà trovare sbocchi lavorativi possono individuarsi soprattutto in: Società di ingegneria e di architettura, imprese e produttori di materiali e componenti, società di gestione di patrimoni immobiliari ed Enti locali operanti sul territorio nazionale, cui è demandata la responsabilità tecnica e culturale della sicurezza, salvaguardia e immissione di nuove qualità per l'ambiente costruito. L’ufficio amministrativo responsabile delle carriere degli studenti è l’Ufficio Scuole di Specializzazione e Master - USSM - dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. La struttura di Ateneo responsabile della gestione amministrativa e contabile è il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, sito in Napoli alla Via Forno Vecchio n. 36.

Requisiti per l’ammissione

Ai sensi del regolamento di istituzione ed attivazione del corso di Master di II livello in “Manutenzione e Riqualificazione sostenibile dell’ambiente costruito”, sono ammessi al corso, a pena di esclusione, coloro i quali siano in possesso di una delle Lauree di seguito elencate:
LM-4 Classe delle Lauree Magistrali in Architettura e Ingegneria Edile-Architettura
LM-4 C.U. Classe delle Lauree Magistrali in Architettura e Ingegneria Edile-Architettura (Quinquennale)
LM-12 Classe delle Lauree Magistrali in Design
LM-23 Classe delle Lauree Magistrali in Ingegneria Civile
LM-24 Classe delle Lauree Magistrali in Ingegneria dei Sistemi Edilizi
LM-31 Classe delle Lauree Magistrali in Ingegneria Gestionale
LM-35 Classe delle Lauree Magistrali in Ingegneria per l’ambiente e il territorio
LM-48 Classe delle Lauree Magistrali in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale
Ai sensi del regolamento generale per l’istituzione ed il funzionamento dei corsi di Master universitari di I e II livello citato in premessa, il possesso del diploma di laurea è prescritto all’atto dell’iscrizione al corso. Pertanto, sono ammessi con riserva al concorso anche coloro i quali conseguano il titolo di laurea successivamente alla data di scadenza prevista per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso, purché entro la data di scadenza prescritta per l’iscrizione al corso dei vincitori nei termini di cui al presente bando ed agli eventuali relativi avvisi di rinvio. Sono, altresì, ammessi, sotto condizione del conseguimento di una delle lauree sopra indicate, coloro i quali siano in possesso dei diplomi di laurea (DL) vecchio ordinamento, nonché delle lauree specialistiche (LS) e magistrali (LM) appartenenti alle classi di laurea equiparate ai titoli che consentono l’accesso al concorso secondo la tabella allegata ai Decreti Interministeriali 9 luglio 2009 e successive modificazioni ed integrazioni. Sono ammessi al concorso coloro i quali siano in possesso di titoli di studio conseguiti presso Università straniere dichiarati equipollenti, ai sensi della vigente normativa, ovvero titoli di studio che la commissione giudicatrice potrà dichiarare validi ai soli fini dell’ammissione al Master. L’iscrizione dei cittadini non comunitari residenti all’estero è subordinata al rispetto delle norme vigenti ed in particolare al necessario rilascio del visto nazionale di lungo soggiorno per motivi di studio. I candidati sono ammessi al concorso con riserva. L’Università degli Studi di Napoli Federico II può disporre in qualsiasi momento l’esclusione del candidato dal concorso, con provvedimento motivato, per difetto dei requisiti prescritti all’art. 3, nonché per ogni ulteriore causa di esclusione prevista dal bando. L’esclusione ed il motivo della stessa sono comunicati al candidato a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento o altro mezzo equivalente.

Presentazione delle domande

La domanda di partecipazione al concorso, dovrà essere indirizzata al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – Ufficio Scuole di Specializzazione e Master – Via Mezzocannone, 16 - 80134 Napoli, debitamente sottoscritta dal candidato a pena di esclusione e redatta in carta semplice utilizzando il modulo allegato al presente bando (modulo 1), scaricabile dal sito web di Ateneo all’indirizzo www.unina.it. Essa dovrà essere recapitata, unitamente agli allegati sotto specificati, a pena di esclusione dal concorso, entro e non oltre il giorno 14 MARZO 2018, ore 12:00, con una delle seguenti modalità:
  • 1) Consegna diretta all'Ufficio Scuole di Specializzazione e Master – Via Mezzocannone, 16 - 80134 - Napoli, nei seguenti giorni ed orari: - lunedì, mercoledì, venerdì: dalle ore 9:00 alle ore 12:00; - martedì e giovedì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle ore 14:30 alle ore 16:30.2) Spedizione (posta celere, corriere espresso o altro mezzo equivalente). In tal caso, sulla busta contenente la domanda di partecipazione dovrà essere riportata la dicitura "Concorso per l’ammissione al Master in “Manutenzione e Riqualificazione sostenibile dell’ambiente costruito” a.a. 2017/2018 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2018/483 del 12/02/2018 – Inoltro Urgente – Ufficio Scuole di Specializzazione e Master dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – Via Mezzocannone, 16 - 80134 - Napoli". L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità in ordine ai plichi che saranno recapitati oltre il termine perentorio del giorno 14 MARZO 2018, ore 12:00. Non saranno ammesse le domande pervenute oltre il suddetto termine, anche se spedite antecedentemente e, pertanto, non farà fede il timbro a data dell’Ufficio postale accettante, ma la data di ricezione della domanda presso l’Ateneo. L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per eventuali disguidi postali o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.Alla domanda di partecipazione (modulo 1) vanno allegati: 1.  copia fronte/retro di un proprio documento di riconoscimento in corso di validità, debitamente firmata; 2.  modulo 2 di richiesta di valutazione dei titoli alla commissione esaminatrice e di autocertificazione degli stessi, riportante elenco descrittivo di tutti i titoli presentati; 3.  un plico, chiuso e firmato sui lembi di chiusura, al fine di assicurarne l’integrità (riportante sull’involucro esterno l’indicazione del concorso al quale si sta partecipando e dei propri dati anagrafici: cognome, nome e data di nascita), contenente: • tesi di laurea • eventuali titoli/pubblicazioni di cui si chiede la valutazione secondo i criteri di cui al successivo art. 6. Si precisa che il candidato è responsabile di quanto contenuto nel plico stesso. Qualora la documentazione sopra indicata non sia chiusa nel plico così come specificato, l’Amministrazione resta, in ogni caso, dispensata da qualsiasi responsabilità in ordine all’effettiva presenza dei documenti elencati nel modulo 2 dal candidato. 4.  solo i candidati in possesso di titolo di studio all’estero dovranno allegare alla documentazione presentata la traduzione ufficiale in lingua italiana del titolo di studio, munita di legalizzazione e di dichiarazione di valore in loco a cura della Rappresentanza italiana competente per territorio nel paese al cui ordinamento appartiene l’istituzione che ha rilasciato il titolo ritenuto equiparabile a quello prescritto, al fine della valutazione di validità da parte della Commissione, come previsto all’art. 3. I titoli posseduti vanno presentati, a pena di non valutazione, secondo una delle modalità di seguito indicate: • in copia autentica; • in fotocopia, con annessa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi degli artt. 19 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, che ne attesti la conformità all’originale, resa in calce al documento ovvero annessa allo stesso, unitamente alla fotocopia del documento del proprio documento di identità; • mediante dichiarazione, sottoscritta dall’interessato/a sostitutiva di certificazione (ex art. 46 del citato D.P.R.) prodotta, in quest’ultimo caso, unitamente alla fotocopia non autenticata del proprio documento di identità. La tesi di laurea e le pubblicazioni devono essere presentate, a pena di non valutazione, secondo una delle modalità di seguito indicate: • in originale; • in copia autentica; • in fotocopia, con annessa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi degli artt. 19 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, che ne attesti la conformità all’originale, resa in calce al documento ovvero annessa allo stesso, unitamente alla fotocopia del documento del proprio documento di identità;Si ricorda che, su ciascuna pubblicazione presentata, dovranno essere apposti il cognome ed il nome del candidato; inoltre, in caso di più autori di uno stesso lavoro, dovrà essere evidenziato il cognome del candidato. Salvo contenzioso in atto e previa richiesta al Coordinatore del Master, i candidati potranno ritirare, personalmente o per il tramite di un delegato munito di apposita delega scritta, corredata di copia del documento di riconoscimento del delegante, solo i titoli presentati in originale per la partecipazione al presente concorso, a partire dal 120° e fino al 180° giorno successivo all’affissione della graduatoria finale, presso il Dipartimento responsabile della gestione amministrativa e contabile dello stesso. Decorso tale termine, l'Università disporrà della documentazione secondo le proprie esigenze, senza che da ciò derivi alcuna responsabilità in merito alla conservazione del materiale. Resta salva la facoltà per l’Amministrazione di procedere all’accertamento della veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atti di notorietà rese dai candidati, ai sensi della normativa suindicata. Pertanto, il candidato dovrà fornire tutti i dati necessari per consentire all’Amministrazione le opportune verifiche. In caso di dichiarazioni incomplete, la Commissione esaminatrice ha facoltà di richiedere integrazioni e/o chiarimenti al candidato e/o all’Amministrazione, al fine di ammettere a valutazione il titolo autocertificato. Si fa presente altresì, che le dichiarazioni mendaci e false sono punibili ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia. La domanda di partecipazione, se correttamente compilata, stampata e sottoscritta, ha valore di autocertificazione (resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni ed integrazioni) dei titoli posseduti quali requisiti di ammissione e dei titoli valutabili, ai sensi degli artt. 3 e 6 del presente bando di concorso. Pertanto, il candidato dovrà fornire con precisione tutti gli elementi necessari per consentire all’Amministrazione le opportune verifiche. Si ricorda che le dichiarazioni mendaci e false sono punibili ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia. Dalla domanda dovrà risultare il recapito eletto ai fini di ogni comunicazione relativa al concorso, impegnandosi a segnalare le eventuali variazioni che dovessero intervenire successivamente (indicare via, numero civico, città, C.A.P., provincia, numero telefonico ed indirizzo e-mail). E’ consigliato indicare un recapito telefonico di rete fissa ed un indirizzo e-mail. L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per il caso di irreperibilità o per la dispersione di comunicazioni imputabile ad inesatta indicazione del recapito da parte del candidato, o mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di recapito indicato nella domanda.